loader
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

Cappuccino

Lo sapevi che?

Il nome Capuccino si riferiva alla somiglianza con l’abito marrone dei cappuccini. Pare che l’idea del cappuccino venne da una preparazione viennese detta “Kapuziner”, a base di caffè, panna montata e spezie, attestata dalla fine del XVIII secolo, poi adattata nei territori di Trieste e negli altri possedimenti italiani austroungarici. La diffusione del cappuccino italiano risale comunque agli anni trenta del Novecento.
Le macchine espresso necessarie per ottenere il caratteristico effetto del cappuccino si diffusero soltanto a partire dai primi anni del XX secolo, con il primo brevetto rilasciato a Luigi Bezzera nel 1901.
Esistono molte varianti nel mondo. In Italia le principali varianti sono cappuccino scuro e cappuccino chiaro. Ultimamente ad accrescere l’estetica del cappuccino ci sono le moderne tecniche dell’art coffee o latte art, con le quali è possibile decorarlo tramite disegni fatti con il bricchetto del latte o strumenti manuali.

Come smacchiarlo?
1 Tessuto macchiato di Cappuccino
2 Versare SPOTREMOVER sulla macchia di Cappuccino
3 Strofinare con la spatula e nebulizzare acqua
4 Versare IL TOGLIMACCHIE sui residui di macchia
5 Strofinare con la spatula, nebulizzare acqua ed asciugare con aria compressa
6 La macchia è stata rimossa e il capo può essere lavato a secco o ad acqua

Richiedi informazioni



    do il consensonon do il consenso
    I campi contrassegnati con il simbolo (*) sono necessari per inviare il messaggio